Museo Archeologico di Fregellae A. Maiuri di Ceprano

Parzialmente allestito e inaugurato nel 1989, Il Museo Archeologico di Ceprano, attualmente ospitato nel Palazzo comunale, racconta le vicende di Fregellae, la colonia di diritto latino fondata dai Romani nel 328 a.

Data:
5 Marzo 2020

Museo Archeologico di Fregellae  A. Maiuri di Ceprano

Parzialmente allestito e inaugurato nel 1989, Il Museo Archeologico di Ceprano, attualmente ospitato nel Palazzo comunale, racconta le vicende di Fregellae, la colonia di diritto latino fondata dai Romani nel 328 a.C. su un esteso pianoro alla sinistra del Liri presso la sua confluenza con il Sacco, uno dei più importanti e strategici capisaldi di difesa e di penetrazione del territorio a Sud di Roma. La vita della colonia, contrassegnata dagli eventi storici e sociali collegati all’espansione romana nel volgere dei secoli III e II, sarà bruscamente interrotta nel 125 a.C.,  l’anno della sua distruzione ad opera dell’esercito condotto dal pretore L. Opimio.  Circa duecento anni di una grande città rimasta a lungo sepolta, tornata alla luce grazie alle campagne di scavo eseguite a partire dal 1978, che il Museo rievoca nel quadro di un allestimento didattico, arricchito dai plastici ricostruttivi dei principali monumenti e contesti di provenienza delle straordinarie testimonianze archeologiche della vita pubblica, sacra e privata degli antichi abitanti.

Ultimo aggiornamento

8 Ottobre 2020, 12:37

Translate »