Albanian Albanian Arabic Arabic Chinese (Simplified) Chinese (Simplified) Danish Danish English English Filipino Filipino Finnish Finnish French French German German Icelandic Icelandic Italian Italian Japanese Japanese Norwegian Norwegian Portuguese Portuguese Russian Russian Spanish Spanish
SIFCULTURA
Regione-Lazio
Slider

ACCORDO ISTITUTIVO DEL SISTEMA INTEGRATO DI SERVIZI CULTURALI IN PROVINCIA DI FROSINONE

TRA
Il Comune di Frosinone

E

I Comuni della Provincia di Frosinone proprietari di musei, biblioteche, archivi, aree archeologiche, parchi archeologici e complessi monumentali

E

I Rappresentanti di musei, biblioteche e archivi di proprietà ecclesiastica e privata del territorio della Provincia di Frosinone

PREMESSO

• che su iniziativa del Comune di Frosinone e con il supporto dell’Area Servizi Culturali, Promozione della Lettura e Osservatorio della Cultura della Regione Lazio, tenuto conto delle strategie regionali in materia di sistemi, dei vantaggi del coordinamento in rete e delle caratteristiche specifiche della forma sistemica integrata, è stato intrapreso l’iter costitutivo di un Sistema Integrato di Servizi Culturali in Provincia di Frosinone;
che tale iniziativa ha messo in relazione i Comuni di Alvito, Aquino, Arce, Atina, Ausonia, Cassino, Castro dei Volsci, Ceprano, Ferentino, Pastena, Picinisco, Pontecorvo, Ripi, Sora, Vallecorsa e Veroli, la Diocesi di Frosinone-Veroli-Ferentino, le Associazioni e i soggetti privati proprietari dei musei, delle biblioteche e degli archivi di Alvito, Arce, Atina, Collepardo, Frosinone;
• che gli Enti locali, la Diocesi, le Associazioni e i soggetti privati di cui sopra, in esito agli incontri svoltisi in data 14 febbraio e 7 marzo 2019, hanno manifestato il loro interesse e si sono impegnati a costituire il Sistema Integrato di Servizi Culturali in Provincia di Frosinone sottoscrivendo il Protocollo d’Intesa trasmesso dal Comune di Frosinone alla Regione Lazio in data 26 marzo 2019 (nota prot. n. 17284 – deliberato di Giunta Comunale n. 129-2019, Allegato A. Protocollo d’Intesa/ Elenco e Dichiarazioni 1-21)

CONSIDERATO

• che occorre completare l’iter costitutivo in premessa, allineando il Sistema Integrato di Servizi Culturali in Provincia di Frosinone alla programmazione regionale triennale e annuale che prevede l’investimento di risorse specifiche per il sostegno delle azioni sistemiche di valorizzazione del patrimonio culturale, come articolate nel Piano triennale di indirizzo in materia di beni e servizi culturali 2019-2021 approvato dal Consiglio Regionale con deliberazione n. 3-2019;

• Viste le Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi (L. n. 241-1990);
• Viste le Norme in materia di beni e servizi culturali del Lazio (L.R. n. 42-1997);
• Visto il Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli Enti locali (D. Lgs. n. 267-2000);
• Visto il Codice dei beni culturali e del paesaggio (D. Lgs. n. 42-2004 – Codice di settore);
• Vista l’Adozione dei livelli minimi uniformi di qualità per i musei e i luoghi della cultura di
appartenenza pubblica e attivazione del Sistema museale nazionale
(D.Lgs. n. 113-2018);
• Visto il Piano triennale di indirizzo in materia di beni e servizi culturali 2019-2021 (DCR n. 3-2019 – Piano regionale 2019-2021)

RICHIAMATI

• i criteri enucleati nel Piano regionale 2019-2021 per la costituzione dei sistemi integrati sovracomunali e gli standard minimi valevoli per l’accreditamento dei medesimi da parte della Regione Lazio;
• l’art. 15 della L. n. 241-1990 che prevede la possibilità per le pubbliche amministrazioni di stipulare tra loro accordi per disciplinare lo svolgimento in collaborazione di attività di interesse comune

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

Articolo 1 Definizione e denominazione

Art. 1
Definizione e denominazione

• Il Sistema Integrato di Servizi Culturali in Provincia di Frosinone è da intendersi, così come delineato dalla normativa regionale in materia di servizi culturali e dal Piano regionale 2019-2021, quale strumento volto a favorire la cooperazione tra gli istituti e i luoghi della cultura del territorio, la dotazione e la condivisione di professionisti della cultura, l’elaborazione di programmi educativi e di valorizzazione trasversali ai vari ambiti della cultura, anche in sinergia con la programmazione ambientale e turistica.

• Il sistema, il cui funzionamento si ispira ai criteri di democraticità, di leale collaborazione, di scambio delle migliori pratiche e di inclusività, opera nel pieno rispetto dell’autonomia degli aderenti, in sintonia con la disciplina statale e la normativa regionale di settore e nel rispetto del disciplinare in allegato che costituisce parte integrante del presente accordo.

• La gestione delle strutture che compongono il sistema rimane, sotto il profilo istituzionale, amministrativo, finanziario e organizzativo, nella piena competenza e responsabilità dei rispettivi proprietari.

• Il sistema è denominato SIFCultura. Sistema Integrato Frusinate per la Cultura.

 

Articolo 2 Missione e finalità

Art. 2
Missione e finalità

• Il sistema individua la sua missione prioritaria nel raggiungimento di un alto grado di efficienza nella gestione e nell’erogazione dei servizi culturali del territorio per assolvere in modo adeguato alla funzione primaria di rendere effettiva la conservazione, la valorizzazione e la fruizione pubblica del patrimonio culturale in tutte le sue forme, il cui valore fondante ed essenziale concorre a mantenere e a migliorare il benessere e la qualità di vita delle comunità di riferimento.

• Il sistema, in coerenza con la propria missione, persegue le seguenti finalità:
• attivare una stretta collaborazione tra musei, biblioteche e archivi della Provincia di Frosinone, pubblici, ecclesiastici e privati, sulla base di regole condivise per il coordinamento delle attività scientifiche, conoscitive e divulgative, nonché di promozione, di comunicazione e di gestione, per migliorarne la sostenibilità finanziaria e dilatare gli effetti della missione culturale dei singoli istituti;
• promuovere e qualificare il rapporto tra gli istituti e i luoghi della cultura e il loro contesto territoriale per migliorare la percezione dei beni culturali e paesaggistici della Provincia da parte della collettività e per concorrere a restituire omogeneità e coesione al valore unico e fondante del patrimonio culturale, superando frammentazioni e localismi;
• promuovere e sostenere il ruolo di mediazione culturale delle singole strutture culturali con azioni di sistema volte a rispondere adeguatamente alle esigenze dell’utente, sia esso residente, visitatore, turista, ricercatore, potenziandone la funzione di luoghi di incontro e di crescita culturale e sociale;
promuovere intese con le Soprintendenze territoriale e archivistica volte a favorire la tutela, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio culturale, nell’ambito delle rispettive competenze;
• promuovere iniziative volte al potenziamento della fruizione pubblica del patrimonio culturale, attuando programmi interdisciplinari di attività didattiche ed educative, anche in rapporto con le Istituzioni scolastiche, tesi a sviluppare la conoscenza della natura, della storia, delle tradizioni locali e della realtà contemporanea;
• ricercare nuove economie e forme di sviluppo della produzione culturale e di razionalizzazione dell’offerta culturale, in sinergia con le politiche del turismo, dell’ambiente, dell’istruzione e della formazione professionale;
• sostenere le strutture culturali più deboli.

Articolo 3 Identità visiva

Art. 3
Identità visiva

• Il sistema si dota di un proprio marchio che ne caratterizza l’immagine istituzionale e lo rende immediatamente riconoscibile come entità unitaria, valorizzando al tempo stesso le specificità di ciascuna realtà culturale aderente.

• Il marchio si applica ai prodotti digitali e a stampa, alla segnaletica e, in generale, a tutti gli strumenti di comunicazione del sistema.

Articolo 4 Comunicazione e sito web

Art. 4
Comunicazione e sito web

• Il sistema si dota di un proprio sito web costantemente aggiornato che assicuri una corretta e ampia diffusione della missione e delle attività, con verifica del posizionamento nell’ambito dei motori di ricerca, monitoraggio degli accessi, servizi al pubblico accessibili da remoto e collegamento con i social network.

• Il sito web, unitamente alla predisposizione di materiali a stampa e multimediali di comunicazione e informazione, concorre alla promozione di attività di fundraising volte al reperimento di risorse autogenerate.

Articolo 5 Carta dei servizi

Art. 5
Carta dei servizi

• Il sistema si dota di una carta dei servizi che identifica, nell’ambito di quanto previsto dal presente accordo, gli specifici servizi erogati con indicazione degli standard, delle modalità di accesso e delle modalità di tutela dei diritti degli utenti.

• La carta dei servizi è resa pubblica attraverso il sito web e mediante distribuzione a chiunque ne chieda copia.

Articolo 6 Card di accesso ai servizi

Art. 6
Card di accesso ai servizi

• Il sistema si dota di una propria card di accesso ai servizi, finalizzata alla fidelizzazione degli utenti e al rilevamento informatizzato dei dati relativi alla fruizione dei servizi medesimi.

• La card assicura uniformità di accesso ai servizi erogati dal sistema e concorre a razionalizzare e ottimizzare i metodi di rilevamento delle presenze e la gestione degli introiti derivanti dai servizi che prevedono il pagamento di tariffe.

Articolo 7 Partecipanti di diritto

Art. 7
Partecipanti di diritto

• Al sistema partecipano di diritto il Comune di Frosinone, in qualità di Ente capofila, e i Comuni della Provincia di Frosinone in qualità di Enti proprietari di musei, biblioteche e archivi che hanno aderito al Protocollo d’Intesa di cui in premessa.

• Partecipano di diritto, altresì, gli Enti ecclesiastici, le Associazioni e i privati proprietari di musei, biblioteche e archivi del territorio che hanno aderito al sopracitato Protocollo d’Intesa.

• I soggetti indicati ai precedenti commi 1 e 2 possono partecipare al sistema, oltre che con i musei, le biblioteche e gli archivi di loro proprietà, anche con altri istituti e luoghi della cultura e con altre realtà di interesse storico-culturale comprese nel territorio della Provincia di Frosinone, parimenti di loro proprietà.

• Tutti i soggetti indicati ai precedenti commi 1 e 2 partecipano al funzionamento del sistema con il personale e le attività dei rispettivi istituti e luoghi della cultura e la disponibilità delle altre realtà di interesse storico-culturale di cui al precedente comma 3, beneficiano dei servizi integrati, delle azioni e dei progetti di rete e partecipano con diritto di voto al Comitato di indirizzo di cui al successivo art. 11.

• La partecipazione al sistema non richiede per i soggetti sopraindicati e per il triennio in corso il versamento di quote di adesione. Alla scadenza del triennio in corso, in occasione dell’eventuale rinnovo del presente accordo, il Comitato di indirizzo potrà riservarsi la facoltà di introdurre o meno quote di adesione.

• La compartecipazione economica dei soggetti indicati al comma 1 è prevista per i progetti di sistema da candidare su bandi regionali, nazionali e comunitari, qualora tali bandi richiedano quote di cofinanziamento, su proposta del Comitato tecnico-scientifico di cui al successivo art. 13 e in proporzione al numero degli abitanti.

Articolo 8 Altri partecipanti

Altri partecipanti

• Possono aderire al sistema ulteriori Comuni della Provincia di Frosinone, Enti e Istituti pubblici diversi dallo Stato e dagli Enti locali, Enti ecclesiastici, Istituzioni, Fondazioni, Associazioni e soggetti privati che siano titolari di musei, biblioteche e archivi, oltre che di luoghi della cultura e di altre realtà di interesse storico-culturale situati nel territorio frusinate.

I soggetti che intendono partecipare al sistema dovranno inoltrare al Comitato di indirizzo domanda di ammissione, secondo le seguenti formule:
soggetto attivo titolare di istituti e luoghi della cultura, alle stesse condizioni dei partecipanti al sistema di cui al precedente art. 7;
soggetto sostenitore titolare di altre realtà di interesse storico-culturale dietro pagamento della quota annuale di euro 500,00 o equivalente in acquisto di card di cui al precedente art. 6, con diritto di beneficiare dell’attività di comunicazione e di promozione del sistema e di partecipare al Comitato di indirizzo senza diritto di voto.

• Le domande di ammissione saranno esaminate alla prima riunione utile del Comitato di indirizzo, previo parere espresso dal Comitato tecnico-scientifico.

• I soggetti ammessi al sistema dovranno sottoscrivere il presente accordo.

Articolo 9 Assetto finanziario

Art. 9
Risorse finanziarie

• Per il perseguimento della missione e delle finalità di cui al precedente art. 2 il sistema si avvale delle seguenti risorse finanziarie:
• quote di adesione dei soggetti sostenitori;
• contributi che possono essere concessi dalla Regione, dallo Stato e da altri Enti pubblici, così come dalla Comunità Europea;
• sponsorizzazioni ed elargizioni di persone giuridiche o fisiche anche nella formula prevista da ArtBonus;
• risorse derivanti da attività di fundraising o da altre forme di autofinanziamento;
• proventi derivanti dalla card di accesso ai servizi del sistema.

Articolo 10 Gestione del sistema

Art. 10
Gestione del sistema

• Il sistema persegue la missione e le finalità di cui al precedente art. 2 avvalendosi dei seguenti organi di gestione:
a. Comitato di indirizzo
b. Presidente e Vice Presidente
c. Comitato tecnico-scientifico
d. Coordinatore

Articolo 11 Comitato di indirizzo

Art. 11
Comitato di indirizzo

• Il Comitato di indirizzo è costituito dai Sindaci o da loro delegati e dai Rappresentanti legali o da loro delegati, titolari degli istituti e dei luoghi della cultura aderenti al sistema.

• Il Comitato di indirizzo, che si riunisce ordinariamente una volta all’anno anche in sedute per via telematica, con riferimento alla missione e alle finalità di cui al precedente art. 2, svolge i seguenti compiti:
• indica indirizzi e linee guida per lo sviluppo del sistema;
• ratifica le nuove adesioni e i recessi;
• approva i piani di azione pluriennali e annuali;
• stabilisce i criteri economici di adesione al sistema allo scadere del presente accordo per l’eventuale rinnovo della stesso.

Articolo 12 Presidente e Vice Presidente

Art. 12
Presidente e Vice Presidente del Comitato di indirizzo e del sistema

• Il Presidente del Comitato di indirizzo del sistema è il Sindaco del Comune capofila o, in sua vece, per delega, l’Assessore alla Cultura. Il Vice Presidente è eletto a maggioranza semplice dal Comitato di indirizzo tra i componenti del medesimo.

• Il Presidente e, in sua vece, il Vice Presidente, rappresentano il sistema e ne promuovono gli interessi, rapportandosi con la Regione, lo Stato, la Comunità Europea e tutti gli altri soggetti esterni pubblici e privati del territorio. Competono al Presidente e al Vice Presidente lo sviluppo di ogni utile iniziativa di collegamento con i soggetti pubblici e privati interessati alla valorizzazione del patrimonio culturale del territorio frusinate.

Articolo 13 Comitato tecnico-scientifico

Art. 13
Comitato tecnico-scientifico

• Il Comitato tecnico-scientifico è costituito dai direttori, dai bibliotecari e dagli archivisti degli istituti e dei luoghi della cultura aderenti al sistema e si riunisce, di norma, con cadenza trimestrale, anche in sedute per via telematica.

• Il Comitato tecnico-scientifico si articola in tre gruppi di lavoro con riferimento alle aree musei, aree e parchi archeologici e complessi monumentali, biblioteche e archivi, ciascuno dei quali coordinato da un supervisore. I supervisori sono individuati a maggioranza semplice dal Comitato medesimo.

• Il Comitato tecnico-scientifico, per il tramite dei supervisori, opera in diretta collaborazione con il coordinatore del sistema di cui al successivo art. 14.

• Compete al Comitato tecnico-scientifico:
• esercitare funzioni di garanzia scientifica e culturale dei progetti e delle iniziative del sistema, dettandone le linee-guida;
• promuovere momenti di confronto e collaborazione con istituti e organismi funzionali al conseguimento delle finalità del sistema;
• definire in collaborazione con il coordinatore la programmazione pluriennale e annuale del sistema;
• collaborare con il coordinatore all’elaborazione e alla stesura dei progetti di rete da candidare su bandi regionali, nazionali e comunitari;
• esprimere pareri sulle nuove istanze di adesione.

Articolo 14 Coordinatore

Art. 14
Coordinatore

1. Il coordinatore del sistema è il direttore del museo dell’Ente capofila, preposto alle seguenti attività:
• garantire il supporto tecnico-scientifico e organizzativo al Comitato di indirizzo e al Comitato tecnico-scientifico;
• coordinare le attività di sistema curandone l’organizzazione, secondo le linee guida dettate dal Comitato tecnico-scientifico;
• predisporre gli atti relativi alla definizione dei programmi pluriennale e annuali;
• presentare al Comitato tecnico-scientifico la relazione annuale sulle attività svolte e sui risultati ottenuti;
• partecipare alle riunioni del Comitato tecnico-scientifico con funzioni di moderatore;
• curare i contatti e i collegamenti con gli aderenti al sistema;
• realizzare incontri di lavoro con i responsabili dei servizi educativi-didattici e della comunicazione e con gli operatori museali per la predisposizione delle progettualità di rete e la raccolta dei dati e delle informazioni finalizzati all’elaborazione dei progetti e delle azioni condivise;
• presentare i progetti da candidare su bandi regionali, nazionali e comunitari al Comitato tecnico-scientifico;
• promuovere i rapporti con reti culturali, naturalistiche e turistiche del territorio.

Articolo 15 Personale

Art. 15
Personale

1. Il sistema opera con il personale dei soggetti aderenti e, in particolare, con i direttori dei musei, i bibliotecari, gli archivisti, gli operatori culturali e i referenti indicati per ciascuna delle strutture che lo compongono.

3. Per lo svolgimento di compiti di particolare complessità afferenti a professionalità specialistiche non presenti all’interno del sistema possono essere stipulate convenzioni o contratti di collaborazione con soggetti esterni esperti in specifiche tematiche e discipline, previo parere espresso in merito dal Comitato tecnico-scientifico.

Articolo 16 Servizi integrati

Art. 16
Servizi integrati

1. Il sistema svolge i seguenti servizi:
servizio integrato di comunicazione che cura l’implementazione e l’aggiornamento del sito web dedicato e la predisposizione di materiali a stampa e multimediali di comunicazione, informazione e promozione di cui al precedente art. 4;
servizio integrato di informazione, prenotazione e fruizione delle attività di sistema che cura altresì l’aggiornamento della newsletter e la gestione della card di cui al precedente art. 6;
servizio integrato di didattica, educazione e promozione del patrimonio culturale che cura la pianificazione e la realizzazione coordinata di laboratori didattici, convegni, seminari, mostre, eventi, itinerari turistico-culturali e ogni altra iniziativa condivisa nella programmazione del sistema di cui al successivo art. 17;
servizio integrato di formazione e aggiornamento del personale che cura la predisposizione di corsi per i direttori scientifici dei musei, i bibliotecari, gli archivisti, gli operatori culturali e i referenti coinvolti nelle attività di sistema.

Articolo 17 Programmazione pluriennale e piano attuativo annuale

Art. 17
Programmazione pluriennale e piano attuativo annuale

• I programmi pluriennali e i piani annuali attuativi del sistema, definiti dal coordinatore in collaborazione con il Comitato tecnico-scientifico, sono sottoposti all’approvazione del Comitato di indirizzo.
• I programmi pluriennali e i piani annuali indicano:
• le iniziative da realizzare in sintonia con la missione e le finalità espresse dall’art. 2;
• la cooperazione con soggetti pubblici e privati anche mediante la stipula di specifiche intese;
• i bilanci di previsione del sistema;
• la predisposizione di indicatori di risultato e di efficacia per la verifica dei risultati raggiunti.

Articolo 18 Impegni degli aderenti

Art. 18
Impegni degli aderenti

1. Gli aderenti al sistema di cui ai precedenti artt. 7 e 8, comma 2, lettera a) si impegnano a:
• collaborare con le proprie strutture organizzative e il proprio personale alla realizzazione delle finalità, dei programmi e delle attività di cui al presente accordo;
•uniformare o raggiungere i nuovi standard minimi dettati dal Piano regionale 2019-2021 per mantenere o acquisire lo status di istituti e luoghi della cultura accreditati e riconosciuti dalla Regione Lazio;
•impegnarsi a innalzare i livelli di qualità delle proprie strutture in conformità con gli obiettivi di miglioramento dettati dal Piano regionale 2019-2021;
•definire la dotazione di personale qualificato ottimale per il funzionamento dei rispettivi istituti e luoghi della cultura e, con lo spirito di collaborazione che ispira l’adesione al sistema, prevedere forme di condivisione di figure professionali qualificate per la loro direzione e gestione;
• garantire la presenza di un referente quale punto di riferimento per le iniziative e le attività di sistema con funzioni promozionali e informative;
utilizzare il logo del sistema, affiancandolo al proprio, per pubblicizzare le iniziative collegate al medesimo;
• concorrere alla divulgazione e alla trasmissione di notizie e informazioni inerenti ai contenuti oggetto delle iniziative del sistema;
• compartecipare economicamente per i progetti di sistema come indicato al precedente art. 7, comma 6.

2. Gli aderenti al sistema di cui al precedente art. 8, comma 2, lettera b) si impegnano a:
• garantire il raggiungimento e il mantenimento degli standard minimi previsti per l’adesione al sistema;
• indicare un referente quale punto di riferimento per le iniziative e le attività di sistema con funzioni di accoglienza e informazioni di base.

Articolo 19 Impegni dell’Ente capofila

Art. 19
Impegni dell’Ente capofila

1. L’Ente capofila concorre al conseguimento delle finalità del sistema, provvedendo a:
•operare quale Ente coordinatore garantendo le funzioni amministrative del sistema per il tramite del Dirigente del Settore Governance e del Direttore del Museo;
• inserire la gestione amministrativa del sistema nella programmazione gestionale annuale (PEG Settore Governance – Museo);
• assicurare, sulla base delle disponibilità di bilancio del sistema, l’espletamento dei servizi integrati individuati all’art. 16;
• concorrere finanziariamente e col supporto di sponsor esterni e qualificati al sostegno dei progetti da candidare su bandi regionali, nazionali e comunitari;
• presentare, per conto dei soggetti aderenti, alla Regione Lazio e ad altri Enti domande di contributo ai sensi della normativa regionale di settore o di altre leggi che abbiano attinenza con la missione e le finalità del sistema;
• stipulare tutti gli atti contrattuali connessi con la concessione e la gestione dei contributi finanziari e assumere la responsabilità delle attività di coordinamento e monitoraggio della realizzazione dei progetti ammessi a finanziamento;
• promuovere collaborazioni e convenzioni con i seguenti Enti e Istituti interessati alla valorizzazione del patrimonio culturale del territorio:
• Ministero per i Beni e le Attività culturali – Soprintendenze territoriale e archivistica;
• Ministero Università e Ricerca – Istituti universitari e Ufficio scolastico provinciale;
• Associazioni culturali e di promozione sociale.

Articolo 20 Facoltà di recesso

Art. 20
Facoltà di recesso

• Ogni aderente ha facoltà di recedere dall’adesione al sistema con comunicazione motivata da presentare al Presidente del sistema che la ratifica nella prima riunione utile del Comitato di indirizzo.

• L’aderente che recede rimane obbligato per gli impegni dell’anno in corso.

Articolo 21 Durata

Art. 21
Durata

• La durata del presente accordo è stabilita in anni 3 (tre) dalla data di sottoscrizione degli aderenti e potrà essere prorogata di altri anni 3 (tre) su approvazione del Comitato di indirizzo.

• L’accordo potrà essere risolto anticipatamente qualora gli aderenti, di comune intesa e con maggioranza qualificata in sede di Comitato di indirizzo, individuino nuove forme giuridiche e organizzative per la gestione del sistema.

INDICE

ACCORDO ISTITUTIVO

Articolo 1 Definizione e denominazione

Articolo 2 Missione e finalità
Articolo 3 Identità visiva
Articolo 4 Comunicazione e sito web
Articolo 5 Carta dei servizi
Articolo 6 Card di accesso ai servizi
Articolo 7 Partecipanti di diritto
Articolo 8 Altri partecipanti
Articolo 9 Assetto finanziario
Articolo 10 Gestione del sistema
Articolo 11 Comitato di indirizzo
Articolo 12 Presidente e Vice Presidente
Articolo 13 Comitato tecnico-scientifico
Articolo 14 Coordinatore
Articolo 15 Personale
Articolo 16 Servizi integrati
Articolo 17 Programmazione pluriennale e piano attuativo annuale
Articolo 18 Impegni degli aderenti
Articolo 19 Impegni dell’Ente capofila
Articolo 20 Facoltà di recesso
Articolo 21 Durata

torna all'inizio del contenuto